Skip to content

Diabete: il killer che si cura dal dentista

a cura di Davis Cussotto

Il diabete  è la causa diretta e indiretta della metà degli infarti e degli ictus; la seconda causa di dialisi per insufficienza renale;  la prima causa di cecità in età lavorativa e di amputazione non traumatica degli arti inferiori. E’ un  fattore di rischio per tutte le malattie  compresi i tumori. La diffusione del diabete  è in forte crescita , nel 1980 interessava 4,7% della popolazione mondiale, nel 2014 è salita all’ 8,5%   e l’Organizzazione Mondiale della Salute prevede che nel 2030  toccherà il 10% della popolazione del pianeta. I  diabetici presentano uno stato di infiammazione cronica che può manifestarsi con 8  patologie diagnosticabili in  bocca: 1  malattia parodontale e gengivite,  carie, 3  sindrome  della bocca secca,  alterazioni del gusto, 5  Lichen ruber planus, 6  lingua  a carta geografica, 7  ipertrofia  parotidea, 8  candidosi orali. La malattia parodontale è la patologia orale maggiormente correlata con il diabete.  L’infiammazione sistemica può peggiorare  la resistenza all’insulina e quindi la gestione del diabete. Per questo motivo, il mantenimento nei diabetici di uno stato  gengivale  sano può abbasare il livello dei mediatori dell’infiammazione, contribuendo così a migliorare il controllo glicemico. ll diabete predispone all’insorgenza di parodontite dall’altro canto la parodontite può peggiorare il diabete, diminuendo il controllo glicemico.

Articoli correlati