Il fumo danneggia anche i denti dei bambini

Il fumo danneggia anche i denti dei bambini

a cura di Davis Cussotto

Il fumo passivo aumenta il rischio di carie nei bambini. A suggerire il legame uno studio giapponese, pubblicato sul numero di ottobre  del British Medical Journal. Dalla ricerca è emerso che l’esposizione al fumo di bimbi di quattro mesi di età raddoppia il rischio di sviluppare carie nei denti da latte.

Il dr Dr. Koji Kawakami ricercatore dell’ Università di Kioto  con la sua equipe hanno preso in esame  75.000 bambini  nati tra il 2004  e il 2010 con almeno un genitore fumatore che ha compilato un questionario per valutare l’esposizione al fumo. I controlli sanitari a 4, 9 , 18 e 36 mesi  hanno evidenziato che  l’esposizione al fumo di tabacco  raddoppia  la possibilità di sviluppare carie rispetto ai gruppi di controllo.

Nonostante  i  dati non possano definire un chiaro rapporto causa-effetto, puntano il dito su un ennesimo potenziale pericolo associato al fumo passivo che sappiamo favorire lo sviluppo di affezioni cardiache e broncopolmonari nel bambino.

Secondo Rosie  Roldan responsabile  del Nicklaus Children’s Hospital di  Miami,  il fumo passivo induce delle variazioni biochimiche nella composizione del liquido salivare che ne riducono l’effetto protettivo sullo smalto del dente.

Se i dati venissero  confermati  da studi mirati, potrebbero essere ampliate le attuali norme basilari per la prevenzione della carie, come per esempio la restrizione del consumo di zuccheri e la supplementazione con fluoro.

Articoli correlati

Dall’Organizzazione Mondiale della Salute le raccomandazioni a ridurre l’assunzione di zuccheri nella dieta quotidiana

Dall’Organizzazione Mondiale della Salute le raccomandazioni a ridurre l’assunzione di zuccheri nella dieta quotidiana

a cura di Davis Cussotto

Sono sempre più numerosi gli studi clinici ed epidemiologici che evidenziano come il consumo continuativo di zuccheri semplici (il saccarosio o zucchero da cucina, per intenderci) favorisca l’insorgenza delle cosidette “malattie non trasmissibili”:  diabete, obesità e carie dentale.

 

L’OMS  (Organizzazione Mondiale della Salute) ha di recente diffuso delle linee guida sul tema:

1)  Forte  raccomandazione a  ridurre l’apporto di zucchero nel corso della vita

2)  Forte raccomandazione a limitare l’assunzione di zucchero a dosi giornaliere inferiori al 10% delle calorie totali consumate.

3)  Meglio  se possibile ridurre l’assunzione di zucchero libero a percentuale  inferiore al 5% del consumo totale di calorie.

Articoli correlati

Passeggiare a piedi per uno stile di vita salutare….

Passeggiare a piedi per uno stile di vita salutare….

a cura di Davis Cussotto

Le abitudini di vita sbagliate  i cosiddetti “lifestyle” ci fanno ammalare basti pensare alla vita sedentaria, al fumo o alla dieta troppo ricca di grassi e proteine di origine animale.

Se l’invito a cambiare  lo stile di vita  cade nel vuoto dipende probabilmente dalla mancata conoscenza da parte della scienza  delle modalità con cui si acquisiscono comportamenti “non virtuosi”.

Il Dipartimento di Sociologia di quella Università di Oxford (GB) per cercare di interpretare meglio il fenomeno  ha creato il “Centro per la ricerca sull’uso del tempo”  e ha iniziato a studiare i diari personali (il fattore numerico usato è espresso nell’unità di misura di “persone-giorno” e risulta pari a 850.000), provenienti da 30 Paesi e scritti nell’arco di oltre cinquant’anni.

Da questa impresa monumentale gli epidemiologi pensano di riuscire a comprendere quali siano i meccanismi prevalenti dell’acquisizione di comportamenti errati e di passare queste conoscenze ai colleghi che si occupano di prevenzione. Si attendono a breve i   primi risultati dello studio che ci diranno ad esempio quale ruolo abbia giocato la TV nell’indurre  modelli di comportamento   di massa.

In attesa dei risultati  una passeggiata a piedi  di 40 minuti  un paio di volte la settimana ci sarà di grande aiuto.

Dr. Davis Cussotto

Articoli correlati

Il fumo passivo puo’ danneggiare i denti dei bambini?

Come vivere senza il mal di schiena

a cura di Davis Cussotto

Mi chiamo Agnese ho 41 anni e scrivo da Brescia.

Ho letto che il fumo dei genitori può danneggiare i denti dei bambini, è vero?

 Agnese, il fumo passivo riduce l’effetto protettivo della saliva, legga questo articolo : Il fumo danneggia anche i denti dei bambini.

Articoli correlati

Come vivere senza il mal di schiena

Come vivere senza il mal di schiena

a cura di Davis Cussotto

Per  controllare e prevenire i fastidiosi dolori alla colonna vertebrale che spesso ci affliggono  sono utilissimi questi 15 consigli  che  Raj Rao ortopedico presso l’ Università del   Wisconsin ha pubblicato su un noto portale  di medicina Americano.  Seguire queste  regole  non esclude  la diagnostica e le terapie del caso eseguite dal medico specialista del settore.

  1. Inizia la giornata con dolcezza semplicemente eseguendo  qualche lungo respiro sdraiato  sul letto.
  2. Scarpe comode, ben imbottite se devi camminare a lungo su superfici dure, attenzione ai tacchi troppo alti;  utili le suole ammortizzate.
  3. L’esercizio fisico è molto importante ma va eseguito con gradualità soprattutto dopo un periodo di inattività. Alterna con sedute di stretching o di Yoga.
  4. Se lavori seduto, controlla che la sedia abbia i braccioli e lo schienale dritto, e sia regolabile in altezza. Le piante dei piedi devono appoggiare a terra, se non è possibile procurati un piccolo sgabello per lasciar riposare le gambe.
  5. Se lavori al computer disponi la tastiera in modo che i gomiti piegati  sfiorino i fianchi e che il monitor sia a un livello pari o inferiore agli occhi.
  6. Se siedi a lungo fai delle pause con una breve passeggiata e dello stretching.
  7. Se trascorri molto tempo al telefono, usa cuffie e microfono, per non affaticare   collo e braccio; questo facilita il mantenimento di un buon allineamento della colonna vertebrale.
  8. Se resti in piedi per molto tempo, scarica di tanto in tanto le tensioni nella zona lombare poggiando un piede su una pedana bassa;  utilizza scarpe imbottite .
  9. Impara a sollevare i pesi : tieni i gomiti stretti ai fianchi, piegati sulle ginocchia e poi sollevati senza inarcare la colonna.
  10. Fai le scale a piedi, è un ottimo esercizio salvo controindicazioni (età avanzata, problemi alle ginocchia).
  11. Se guidi a lungo tieni il sedile in avanti in modo da non flettere il tronco per raggiungere il volante, utilizza un cuscinetto nella zona lombare per allineare la colonna, prenditi le necessarie pause durante la guida.
  12. Consulta sempre il tuo medico per sapere quali esercizi o sport evitare per la tua specifica patologia.
  13. Se spingi un carrello, passeggino o tagliaerba evita di farlo con le braccia tese, mantieni sempre i gomiti piegati stretti ai fianchi.
  14. Dormi su di un fianco con piccolo cuscino tra le ginocchia o di schiena con il cuscino sotto le ginocchia.
  15. Tieni sotto controllo il peso per non affaticare la muscolatura lombare e le articolazioni delle ginocchia.

Articoli correlati

Test per diagnosticare la malattia parodontale

Test per diagnosticare la malattia parodontale

a cura di Davis Cussotto

Sono sempre più frequenti le ricerche cliniche che mettono in relazione un determinato tipo di flora batterica presente in bocca con la presenza o meno di malattie come la carie o la malattia parodontale.

L’ultimo numero della rivista scientifica Journal of Oral Microbiology, ha descritto una ricerca Americana che ha seguito nel tempo 129 soggetti affetti da malattia parodontale.  Gli autori hanno evidenziato due aspetti salienti:

1 la flora orale nei pazienti con parodontite più aggressiva ha composizione simile;

2 i fumatori sviluppano flore batteriche simili che aggravano il decorso della malattia.

Le caratteristiche dei batteri presenti in bocca possono essere studiate con un apposito esame: il Test batteriologico che se associato al Test Genetico eseguito mappando il DNA contenuto nella saliva può predire l’evoluzione della malattia

Lo Studio Dentistico il Mulino esegue questa diagnostica

Articoli correlati

Il colpo di sonno alla guida, un problema di rilevanza sociale

Il colpo di sonno alla guida, un problema di rilevanza sociale

a cura di Davis Cussotto

La  sindrome delle apnee ostruttive nel sonno(OSAS) è un  disturbo respiratorio che accade durante il sonno e si  caratterizza  per   episodi ripetuti di apnea completa o parziale ossia una  chiusura   delle vie aeree superiori, con riduzione dell’ ossigeno arterioso  e possibile aumento dell’anidride carbonica sangue.

Le ripetute apnee determinano uno sforzo respiratorio con aumento della frequenza cardiaca, disturbi del sonno e  ipertensione  arteriosa con tutte le sue conseguenze negative sul sistema cardiovascolare.

I Segni  notturni delle  OSAS sono: russamento abituale, pause respiratorie nel sonno riferite dal partner, risvegli con sensazione di soffocamento, sonno notturno agitato, sudorazione notturna eccessiva, secchezza delle labbra  e minzione notturna.  Ogni anno in Italia si calcola  che le OSAS causino   7000  incidenti stradali dovuti al colpo di sonno. Una visita dal dentista può evitarlo.

Questi dati emergono da una ricerca Italiana  pubblicata sulla rivista “Chronic Respiratory Disease”.

La prevenzione e la  cura che vedono  il dentista in prima linea  svolgendo un ruolo importante sia nella diagnosi che nella cura evitando:  nei casi più semplici si utilizzano dei  dispositivi orali (Oral Appliances, OA) che mantengono aperte  vie aeree  dietro la  lingua, spostando in avanti e  mantenendo chiusa la mandibola e aumentando la dimensione verticale occlusale.

In  alcune situazioni cliniche possono sostituire efficacemente l’utilizzo di complicate  apparecchiature utilizzate durante la notte.

Articoli correlati

Impronta digitale per realizzare accurate corone estetiche in una sola seduta

Impronta digitale per realizzare accurate corone estetiche in una sola seduta

a cura di Davis Cussotto

Lo  scanner intraorale  è uno strumento poco più grande di uno specchietto che inserito in bocca consente al dentista  di rilevare un’impronta ottica delle arcate dentali del  paziente senza usare   cucchiai  paste e cere di masticazione, normalmente usati nella  metodica tradizionale.

Attraverso l’utilizzo di una fonte luminosa  si esegue una  scansione dei denti e in tempo reale si ottiene un  modello digitale in 3D.

Ecco i vantaggi per il paziente  dell’ odontoiatria digitale:

niente disagio dovuto all’ inserimento in bocca di ampi cucchiai riempiti di materiali da impronta.

2 maggiore rapidità del rilievo dell’ impronta

3 maggiore precisione e accuratezza del risultato:  il modello 3D è una copia fedele del dente e viene utilizzato  dall’ odontotecnico per il Desing (CAD) digitale della “corona” che viene  prodotto   da una macchina fresatrice o da una stampante 3D  guidate da un apposito software  (CAM)

4 Notevole riduzione dei  tempi di cura del paziente che può realizzare la “corona” in un solo appuntamento nell’arco di 3 ore circa.   La metodica tradizionale  richiede  3 appuntamenti per raggiungere un risultato analogo.

5 In molti casi si può evitare  l’utilizzo del provvisorio, riducendo i costi e il rischio di decementazione.

Rispetto per l’ambiente riducendo la produzione di rifiuti (siliconi, gessi, cere etc)

 

Articoli correlati

Cade il Mito delle bevande sugar –free: uno studio evidenzia che possono causare erosioni dentali

Cade il Mito delle bevande sugar –free: uno studio evidenzia che possono causare erosioni dentali

a cura di Davis Cussotto

Le bevande sugar –free utilizzate dagli sportivi   ma non solo,  a causa dell’ alto contenuto di sostanze acide sarebbero responsabili  delle erosioni dentali ,  le lesioni  irreversibili dello  smalto per lo più localizzate al colletto del dente.

Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato di recente dai Ricercatori dell’ University of Melbourne in Australia  guidati da Eric Reynolds  direttore dalla  Dental School  of Melbourne.

Come consumatori, dichiara Reynolds all’ intervistatore di un noto portale dentale USA,  ci simo preoccupati per anni degli effetti dannosi sulla salute  provocati dagli zuccheri semplici addizionati nei cibi e nelle bevande,  che favoriscono il diabete, l’obesità e la carie.  L’industria,   ha pertanto orientato  i nostri consumi verso i prodotti sugar –free.

Oggi il mercato  è pieno  di  Vitamin Drinks, soft drink marchiati “diet”  o “zero calorie”,  te freddo, snack e gomme da  masticare  sugar free  questo perché il legame tra lo zucchero e la carie è stato ben documentato  negli anni da numerose ricerche.   Sappiamo ancora poco sulle cause di erosione, le perdite di smalto dentale irreversibile  che tradizionalmente leghiamo agli  acidi, ai batteri e la trauma occlusale.

Per questo abbiamo  testato il potenziale erosivo  di 15 bevande  vendute nelle mense scolastiche Australiane  sia zuccherate che sugar –free compresa l’acqua minerale.  Tutte le bevande sono state testate  su molari umani estratti  e non cariati .  I parametri  monitorati sono 2

1  la perdita di smalto di superficie misurata con apposite scansioni,

2  il rammollimento  della superficie  misurato con il tester di Knoop

I valori riscontrati per le bevande sono molto elevati rispetto all’acqua minerale che non induce cambiamenti  nello smalto del dente.  Non c’è significativa differenza tra i prodotti con o senza zucchero,  entrambi risultano dannosi per lo smalto del dente.

La sorpresa è stata che numerose bevande presentavano un alto contenuto di acido citrico e acido fosforico che agiscono sullo smalto come dei veri e proprii mordenzanti soprattutto se si ha l’abitudine di sorseggiare la bevanda per tempi prolungati.

Articoli correlati

Il successo implantare si riduce nei fumatori per 4 motivi

Il successo implantare si riduce nei fumatori per 4 motivi

a cura di Davis Cussotto

Ho 42 anni e fumo 15 sigarette al giorno,  il mio dentista dovrà inserirmi un impianto nell’ arcata inferiore e  mi ha detto che a causa del fumo l’impianto ha minore probabilità di integrarsi nell’osso. Sa dirmi perché?

Grazie. Giuseppe da Carpi.

Giuseppe buon giorno,

Fumo e impianti  hanno da sempre un rapporto difficile. Il successo implantare si riduce nei fumatori  per 4 motivi:

1  rallenta la guarigione delle ferite

2  favorisce la parodontite ossia l’infiammazione dei tessuti intorno al dente e/o all’impianto

3  riduce le difese immunitarie dell’ organismo

4  riduce la circolazione sanguigna in prossimità della ferita chirurgica  rallentando la rigenerazione dell’ osso.

Sommando  questo a tutti gli effetti dannosi sulla salute della persona, abbiamo un’infinità di buoni motivi per smettere di fumare

Articoli correlati